Paul RoseLa famiglia di lenti Rose K è stata inventata da Paul Rose, un optometrista di Hamilton, Nuova Zelanda. Paul si domandava cosa si potesse fare per i pazienti affetti da cheratocono, una condizione progressiva nella quale la superficie della cornea prende la forma di un cono. Una volta compreso che il problema con le lenti tradizionali consisteva nel fatto che non si adattavano alle cornee con forma irregolare o alla forma dell’occhio, ha cercato di sviluppare una lente a contatto che fosse più confortevole per i pazienti, che fosse più facile da applicare e che fornisse una visione migliore per coloro che sono affetti da cheratocono.
Paul Rose ha iniziato lo studio delle lenti per Cheratocono Rose K nel 1987. Dopo averne testate 700 e 12 differenti design, ha prodotto un set diagnostico di 26 lenti che potevano essere applicate su tutti i pazienti. Ci sono voluti ulteriori due anni per il perfezionamento del design prima che fosse lanciata sul mercato Neo Zelandese nel 1990. Nel 1995 le lenti Rose K hanno ottenuto l’approvazione dalla Food and Drug Administration (FDA) per la commercializzazione negli Stati Uniti.
Da quel momento il progresso tecnologico ha portato all’introduzione della lente Rose K2 con la superficie anteriore a controllo delle aberrazioni fornendo una visione migliore; Rose K2 per Cornea Irregolare (IC), lente per più ampie aree di distorsione corneale; Rose K2 Post Graft (PG), una lente per i trattamenti post chirurgia; Rose K2 NC, una lente specifica per i coni puntiformi. Infine nel 2013 Rose K2 XL, una lente corneo-sclerale concepita per l’applicazione su pazienti che non tollerano lenti corneali RGP più piccole: degenerazione marginale pellucida, cheratoglobi, anelli intrastromali e per pazienti con una significativa distorsione corneale dopo trapianto.
Le lenti Rose K oggi sono prodotte in 18 paesi e distribuite in oltre 88 Stati; sono divenute il marchio prescritto più frequentemente in tutto il mondo per le cornee irregolari.

Quali caratteristiche rendono le lenti Rose K diverse dalle altre lenti per cheratocono?

  • La semplicità dell’applicazione: le lenti Rose K si applicano secondo un protocollo applicativo articolato in 5 punti chiave con un tasso di successo pari all’80% a livello internazionale.
  • La geometria segue parallelamente la progressione dello stadio del cheratocono: non si rende necessario cambiare la geometria con l’evoluzione del cono.
  • La zona ottica ed i raggi periferici non sono da tenere in considerazione: questi parametri sono definiti et modificati automaticamente quando si stringe la lente per mantenere una buona applicazione sulla cornea.
  • Le aberrazioni sferiche: sono ridotte al minimo per apportare una miglior acuità visiva grazie alla faccia posteriore e anche anteriore.
  • La facilità di aggiustamento in periferia: grazie alla flessibilità di scelta dell’Edge Lift.

Qual è l’elemento più importante per la buona riuscita di un’applicazione?

L’Edge Lift rappresenta sicuramente il fattore chiave per la riuscita di un’applicazione su cheratocono. Se l’Edge Lift scelto non va bene, la lente non sarà confortevole. Gli applicatori prediligono spesso l’applicazione nella zona centrale, ma forse non considerano abbastanza la zona periferica.

Quali sono gli elementi alla base del successo del marchio Rose K riconosciuto a livello internazionale?

  • Innanzitutto il tasso di successo immediato fin dalla prima lente nell’80% dei casi
  • La facilità per l’applicatore di utilizzare un set di prova di 26 lenti
  • La refrazione complementare minimizzata dal fatto che il potere negativo delle lenti di prova aumenta man mano che i raggi diminuiscono
  • La vastità della gamma e dei parametri disponibili
  • La semplicità del concetto applicativo
  • Le numerose presentazioni in ogni paese e la pratica applicativa
  • I supporti e gli aiuti all’applicazione
  • Il piggy back
  • L’approvazione FDA per il mercato americano
  • Il livello mondiale di distribuzione
  • Le informazioni ai portatori attraverso Internet
  • Il riconoscimento a livello mondiale come marchio di lenti per cheratocono
Ti potrebbero anche interessare:
FacebookTwitterGoogle+LinkedInEmailCondividi